Dettaglio libro

Alberto Anzani
Joia

2004

... Il suo sorriso era una sua cicatrice e una sua conquista, non lo avrebbe più cambiato con qualunque disprezzo per il mondo. Era un sorriso grande, troppo distante forse per intenderlo tutto, ma era un sorriso accattivante e la sua pelle aveva lo stesso odore che Joia aveva amato un tempo e ora con ansia tornava ad annusare. Qualche palma come quinta e infine il mare come spettatore. - Torniamo in scena - fece la ballerina più agile di Bahia. - Non siamo mai usciti - rispose il suo musico ... Le astuzie dell’avvocato Luis Cardoso, gli intrighi del narcotraffico e una straordinaria fuga per la libertà, animano queste pagine di cronaca sudamericana, ricca di suspense e tensione narrativa. In controluce l’amore e l’attesa sensuale e festosa di una città, di una stupenda mulatta, di un mondo magico che si esprime tra arte, pareti di cartone e sabbia. “ La libertà? La libertà si prende. La si afferra a due mani, la si respira a pieni polmoni. La ritroviamo nella finestra nel muro, nella luna in cielo, nei colori dell’Orinoco, nella spiaggia di Itapuã. La libertà ha l’odore caldo del pane, salato del pesce agonizzante nelle reti dei pescatori e dolce dei mercati all’aperto. Ha il sapore del risveglio, degli sbadigli di chi ha dormito per strada sopra i cartoni, di chi parte per una viaggio senza meta come la vita… Si cerca la libertà dal passato, da un campo da coltivare, da un sogno da rincorrere. E ancora la libertà di muovere passi, esprimere se stessi, libertà della natura selvaggia. Rimane il mistero e il fascino dei personaggi nel voler essere liberi dal destino, liberi dalla paura, liberi dal bisogno. La libertà? Quasi mai è la moneta a pagarne interamente il prezzo. Occorre qualcosa in più, per essere liberi”.

Euro 15.00 ordina titolo